Skip to content

La dissoluzione della forma partito e il cesarismo

13/03/2014

  • Il termine della democrazia ed il trapasso da questa al cesarismo si manifesta con lo scomparire del partito come forma politica. Il partito politico oggi è essenzialmente una raccolta di teste, per cui se da un lato è superiore alle vecchie caste della tradizione ed anche al suo omonimo in forma classica, in quanto a spirito di appartenenza, è però loro inferiore in quanto ad istinto. Il partito oggi, tra il limbo di repubbliche che numerar si voglia, è un nemico acerrimo di ogni vera articolazione sociale ed infatti il suo concetto si slega da quello di una presunta uguaglianza teorica ed all’interno di esso si riconoscono non tanto interessi di casta, quanto interessi meramente professionali.Infatti gli ideali astratti e le finalità alla base di ogni vera politica di partito svaniscono e il loro posto è colmato da una politica privata, esercitata da poche personalità capaci di essere mera espressione di lobbies economiche, anche le più disparate. Se infatti una casta ha degli istinti e se, un partito classico nella sua forma si raccoglieva intorno ad un programma, queste lobbies sono fazioni ed ogni fazione ha solo un capo. Come abbiamo avuto modo di osservare, nel momento in cui una assemblea parlamentare si costituisce, si formano subito unità tattiche la cui coesione si fonda sulla volontà di conservare la posizione dominante appena conquistata, unità che, siano esse partiti o movimenti beninteso, non si considerano più i portavoce dei loro elettori, ma che invece volgono a fare dei loro elettori i docili strumenti dei propri fini.Quindi anche un movimento organizzato apparentemente dal basso, diviene con ciò stesso uno strumento della corrispondente organizzazione e le cose procedono in tal senso fino a quando l’organizzazione stessa diviene a tutti gli effetti lo strumento di una lobbie. D’altronde il potere in sè stesso è più forte di ogni teoria. Inizialmente il complesso direttivo ed organizzativo si giustifica con un programma, poi il programma viene difeso solo da coloro ai quali serve in vista di un esercizio di potere puro e semplice (migliaia di persone vivono delle cariche e degli stipendi che i partiti distribuiscono) ed infine ci si dimentica del programma e l’organizzazione vive e prospera solo per sè stessa. E’ ovvio che una volta che un tale gruppo esiste, le elezioni hanno il solo significato di una censura esercitata dalla massa volta per volta, sulle singole organizzazioni, sulla formazione delle quali essa però finisce con il non avere più influenza alcuna. E con ciò stesso, il diritto fondamentale delle nostre costituzioni, quello della massa libera di eleggere i propri rappresentanti, resta lettera morta perchè nella realtà ogni organizzazione sufficientemente sviluppata si dà da sè stessa i propri leader.E lo stesso suffragio universale non da alcun diritto e garanzia reale, nemmeno quello di scegliere, se anche fosse possibile, tra due soli partiti, perchè le lobbies che prendono forma proprio in base ad esso vanno a controllare mediante il potere economico tutti gli strumenti intellettuali offerti, dalla carta stampata alle tv (in parte ancora ai social network, ma su questo avremo occasione di ritornarvi) tanto da veicolare a loro piacimento l’opinione delle singole persone sui partiti, mentre le lobbies disponendo di cariche, influenze e normative ad hoc, educano un gruppo a loro completa disposizione, il quale gruppo soppianta tutti gli altri facendoli cadere in una inerzia elettorale tale che, alla fine, non può venire più superata nemmeno nelle crisi più gravi. Tuttavia sarebbe errato parlare tanto di decadenza quanto di degenerazione dei costumi, è invece, a nostro avviso, lo stesso costume delle democrazie mature che per una necessità interna assume queste forme. I partiti divengono quindi il docile seguito di pochi individui con i quali si preannuncia il cesarismo proprio al basso impero, i parlamenti diventano istituzioni tanto solenni quanto vuote ed i diritti della massa vengono presentati con un grande apparato e sono tutelati tanto scrupolosamente quanto sempre meno significano ancora qualcosa. L’economia tramite i partiti, oramai espressioni pure e semplici di gruppi di potere, organizza il corso dell’attività parlamentare nell’interesse di coloro di cui questi sono l’espressione ed il fatto elettivo non è altro che un gioco concordato presentato come espressione della volontà popolare.

  • Di Simone Salandra Immagine
     
Advertisements

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: