Skip to content

DATE ALLE FIAMME BANDIERA ITALIANA E BANDIERA DI FORZA ITALIA

13/08/2013

DATE ALLE FIAMME BANDIERA ITALIANA E BANDIERA DI FORZA ITALIA

Durante le prime ore della mattinata di lunedì 12 agosto 2013 la storica sede del PdL di Acquapendente è stata oggetto di un grave atto intimidatorio di natura politica. Infatti, la bandiera Italiana Tricolore e la vicina bandiera di Forza Italia, che si trovavano in asta ai lati dell’ingresso, sono state date alle fiamme. Non sappiamo se è stato messo in atto anche un tentativo di intrusione, in ogni il fuoco, oltre a distruggere il Tricolore italiano e il vessillo di Forza Italia, ha danneggiato anche l’insegna del PdL sottostante.

Come responsabili del Coordinamento Comunale del PdL di Acquapendente e della Costituente del nuovo partito politico di Forza Italia, non ci faremo certo intimidire da un atto così vile e meschino, frutto certamente della campagna politica denigratoria

messa in atto contro il PdL-Forza Italia e soprattutto contro il presidente Berlusconi da una certa informazione politicizzata, nonché dai predicatori e fomentatori di odio che tutti conosciamo.

La sede storica del Coordinamento del PdL di Acquapendente è diventata, da pochi giorni anche la prima sede della Provincia di Viterbo ad accogliere una Costituente del nuovo partito politico di Forza Italia, quindi, è ovvio, che questo evento, insieme alla concreta attività politica svolta dai nostri dirigenti nelle ultime settimane, potrebbe sicuramente aver “infastidito” qualcuno.

Secondo noi, bruciare la bandiera di Forza Italia è solo un ignobile gesto politico messo in atto alla vigilia del “Giro della Libertà” organizzato da Silvio Berlusconi nella seconda metà del mese di Agosto, mentre ci sembra molto più grave l’imperdonabile atto di vilipendio al Tricolore italiano, un azione che offende tutta la Città come la Nazione intera.

Ringraziamo i moltissimi cittadini ed i politici che ci hanno telefonato o che si sono recati presso la sede del PdL per prendere visione personalmente dello scempio, manifestandoci grande solidarietà e forte sdegno per l’accaduto, di cui sono stati informati di organi provinciali, regionali e nazionali del partito.

Il PdL ha sporto denuncia presso la Stazione dei Carabinieri di Acquapendente ed indagini molto serrate sono tuttora in corso.

Annunci

From → Uncategorized

4 commenti
  1. Lea Panvini Rosati permalink

    Potessero ci metterebbero tutti allo spiedo. Francamente, sono sempre stata preoccupata che tentassero di attentare al presidente. Se Marina si Presentasse si verificherebbe un fenomeno tipo Marine Le Pen? Ma anche se così fosse l’Italia non e’una repubblica presidenziale, i margini decisionali del Presidente del Comsiglio e della maggioranza nelle due Camere sono limitati da tutta una caterva di pastoie burocratiche di cui l’opposizione si serve per insabbiare/ ritardare gli atti del Parlamento.

  2. Bruciare una bandiera e un reato, ma con questo non si cancella un idea, ognuno ha il diritto di professare la propria.

  3. Carla permalink

    Dai comunisti che cosa vi aspettate?

  4. Avete governato per più di 10 anni con i leghisti che quotidianamente facevano vilipendio della bandiera e delle istituzioni e ora fate tanto casino per una bandiera sbruciacchiata?

    Per Carla: dai comunisti ci si aspetta che vengano a casa tua a mangiarti il bambino e a violentare la tua zia suora !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: