Skip to content

Berlusconi e le minorenni che non esistono.

11/05/2013

Le minorenni non esistono più. A tredici anni si truccano, si fanno il tatuaggio, si bucano il naso per infilarsi un cerchietto oppure un diamantino, hanno le chiavi di casa, escono da sole la sera, restano a dormire fuori, prendono pure la pillola, la pillola del giorno dopo, del giorno prima, del non si sa mai..Sin dalla quinta elementare hanno imparato a mettere il cappuccio su una banana, perché “prevenire è meglio di curare”. Hanno la testa piena di luoghi comuni e conformismi invincibili. Sono ribelli per definizione. Adesso, però, se un ricco signore le invita a passare il capodanno a casa sua, tutti si indignano e scoprono che non dovrebbero accettare… E perché mai, si domanda l’immoralista libertario. Semplice. Se il ricco signore era anche  il capo del governo, legittimamente eletto col suffragio universale, c’è una sproporzione, un’assimetria che inclina troppo verso l’abuso di potere per lasciare insensibili i cittadini altrimenti indifferenti alla virtù delle loro figlie minorenni. Finché l’anarchia dei comportamenti si misura sul piano della libertà del singolo e della sua autodeterminazione in regime di libertà e eguaglianza, nessun ha niente da ridire su pillola, piercing, aborto , tutto è consentito. Quando però l’anarchia dei comportamenti è l’effetto di un’asimmetria, legata al potere nella sua più alta espressione istituzionale, scatta non solo il distinguo, ma un meccanismo di rifiuto…. non ci si pone neppure il problema che sia innocente , è colpevole a prescindere.

Il fatto che  ripugna, , è vedere confusi due comportamenti antagonistici, da un lato l’autodeterminazione del singolo, che vuole essere libero di fare, sperimentare, sbagliare, peccare, provare, sentire, fornicare etc etc etc… dall’altro un moralismo poco convinto, forse mirato solo ad eliminare un avversario politico . Per questo saltano fuori le minorenni anche se non esistono più .

silvio pacato

Annunci

From → POLITICA

4 commenti
  1. alessandra clarissa passanti permalink

    Splendido articolo. Senza nulla levare alla responsabilità di un premier che dovrebbe dedicarsi a divagazioni un tantino più spirituali, conosco personalmente molta gente di sinistra le cui figlie hanno rapidamente imparato l’antico mestiere senza l’aiuto di Berlusconi, solo con l’esempio dei loro stessi genitori

  2. Una spiegazione così eloquente e precisa nn poteva essere scritta …… ancora però nn hanno capito certi individui dell’evidente accanimento verso una persona che ha il difetto di amare le persone….. basta che stringa una mano è subito tacciato di nn so che cosa!!!!!!!!!!!

  3. Ma è sempre e sempre la solita invidia che fa sparlare i soliti grulli!

  4. Davvero complimenti vivissimi per questo siticchio: dopo povia, berlu e minorenni… chissà a chi tocca! Giustamente vi nascondete “dietrolequinte”, e speriamo che ci restiate… ce ne sono già abbastanza di comparse come voi in giro! D’altronde finchè c’è gente che ci stà, si continua così, anzi si osa sempre più… bravi, bene, bis (“ma anche” tris).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: