Skip to content

Lettera di don Camillo a una mamma che vuole abortire.

20/01/2013

Carissima,

so che ci sono troppe persone interessate alla tua decisione di uccidere il figlio che porti in grembo, però abbi pazienza e ascoltami, almeno per la buon’anima di tua nonna che ti ha insegnato a fare il segno della Croce – ricordi? – quando mangiavi le stelline in brodo a casa sua. Benedetta donna!

I contadini quando mettono il seme nella terra sanno bene che lì dentro c’è già la pianta, altrimenti tutta quella fatica chi gliela farebbe fare? Potrebbe essere un’annata siccitosa, oppure qualche parassita potrebbe rovinare il raccolto, ma nessuno mette in dubbio che nel seme c’è già la pianta. Se il contadino non credesse che nella natura c’è un progetto, allora, cara mia, non troveresti più cibo sulla tavola. Invece voi, che avete studiato Kant, non siete più neanche sicuri se il latte lo fanno veramente le mucche.

Nel grembo è come se tu portassi una pianticella che sta facendosi strada per venire alla luce, tra queste poche cellule che pulsano in te e l’uomo che vedrai crescere non c’è soluzione di continuità, così come non ce n’è tra il seme e la futura pianta. Tutti siamo diventati ciò che siamo lungo un cammino che non si è mai interrotto. Una volta non fumavo il sigaro, ma ero sempre io, una volta tu dovevi farti imboccare dalla nonna, ma eri sempre tu.

Devi considerare, però, la differenza fondamentale tra il progetto che sta nel seme della pianta e quello dell’essere che tu custodisci nel grembo: questo, potenzialmente, è capace di dirti ti amo. Attenzione però, se volessi sbarazzartene perché ha qualche imperfezione ricordati che per questo non smetterebbe di essere potenzialmente capace di dirti ti amo, cioè non smetterebbe di essere un uomo. C’è un mistero nell’uomo, qualcosa che lo fa essere quel corpo, ma nello stesso tempo è qualcosa in più di quel corpo, quello che tua nonna – giustamente – ti ha insegnato a chiamare anima. Benedetta donna! Proprio per questo un uomo non si uccide, perché quell’anima va oltre l’eventuale imperfezione del corpo e quindi lui resterà per sempre potenzialmente capace di dirti ti amo.

Se fossero le imperfezioni a stabilire cosa è un uomo allora “buonanotte ai suonatori” e “tutti a casa”, ma soprattutto, chi è quella specie di padreterno che decide dove comincia e dove finisce un uomo? Neanche Peppone arriverebbe a tanto, nonostante i bolscevichi. Se, invece, la malaugurata idea di uccidere quell’essere umano che porti in grembo ti fosse venuta semplicemente perchè non lo avevi “programmato”, perdonami, ma sento che mi prudono le mani.

Lascia che ti dica un’ultima cosa. L’amore, cara mia, non è un fotoromanzo con Yvonne Sanson e Amedeo Nazzari, ma una cosa seria. Non so da quanto tempo non ti metti in ginocchio davanti al Crocifisso, però quella è l’unica scuola dell’amore che non tradisce. E’ lì che puoi dare un senso anche a ciò che ti sembra non averlo.

Sia tu, che il piccolo che vorresti uccidere, siete invitati a guardare a Colui che hanno trafitto perché, grazie a Lui, potete andare oltre le vostre imperfezioni, anche oltre il tempo, laddove ciò che resta è solo la capacità di sapervi dire, con Lui e per Lui, “Ti amo”.

Alla stessa scuola portaci, per favore, anche quel disgraziato in blue jeans che ha compartecipato alla generazione del bimbo, a vedere se riesce a capire che non si ama una volta e poi più, ma quando si ama lo si fa per sempre.

Adesso ti saluto e ricorda la lezione di tua nonna: fatti il segno della Croce prima di prendere una decisione. Se hai bisogno sai dove sono, io ti aspetto sempre.
Autore: Lorenzo Bertocchi

don camillo aborto

[Fonte: Libertà e Persona]

Annunci

From → RELIGIONE

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: