Skip to content

BERLUSCONI E`DALLA NOSTRA PARTE, BERSANI CI VUOLE MORTI!

19/09/2012

“L’imu si può alleggerire, renderla più equa, e affiancarla con una imposta personale sui grandi patrimoni mobiliari”. E’ la proposta lanciata da Pier Luigi Bersani a Ballarò.

Presente in trasmissione anche il ministro Elsa Fornero che sottolinea come : “con l’Imu siamo andati più vicino possibile a una patrimoniale”.

In seguito sempre sul RITORNO DI BERLUSCONI , Bersani aggiunge : “Impressionante e penso sia impressionante visto dal mondo. Mezzo mondo comincia a pensare che non è possibile che gli italiani siano così. Purtroppo credo che ritroveremo di fronte a quello scenario e credo che bisognerà combattere”.
Il segretario del Pd era partito, nel suo ragionamento, dalle immagini e le interviste a chi ha partecipato alla crociera del Giornale con a bordo l’ex Premier.

 Il caro signor Bersani ha bisogno forse di una lezione di Economia; a questo proposito e`adatta sia quella che Renato Brunetta da`nel suo blog, che l’intervista rilasciata da Silvio Berlusconi sul suo piano economico.

1)SPIEGAZIONE DI RENATO BRUNETTA.

Eliminare l’Imu sulla prima casa non solo si può, ma farà anche bene all’economia. Lo dimostra l’esempio di Comuni come Assago, alle porte di Milano, o Tula ed Erula, in Sardegna. E lo sanno gli italiani: quando cresce il mercato immobiliare cresce l’intero Paese. “Quand le bâtiment va, tout va”: lo diceva Martin Nadaud, lo conferma la migliore letteratura economica.

La ragione è molto semplice: gli investimenti in edilizia hanno il più alto coefficiente di attivazione sull’economia. In parole povere, un euro di spesa nel settore si trasforma in un multiplo di maggior prodotto interno lordo.

D’altra parte, ce l’ha ricordato giovedì 13 settembre il presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, avviando il suo terzo Quantitative Easing: investimenti nel settore immobiliare vogliono dire crescita e occupazione. Esattamente il contrario di quanto sta avvenendo da 10 mesi a questa parte in Italia.

L’introduzione dell’Imu sulla prima casa da parte del governo Monti sta affossando l’economia: calo della produzione nelle costruzioni del 13,6% a maggio 2012 rispetto a maggio 2011; compravendite giù del 36% nei primi 3 mesi del 2012; ristrutturazioni, acquisti di mobili e acquisti di elettrodomestici dimezzati rispetto a un anno fa; domanda di mutui ridotta del 44% in confronto ai primi 6 mesi del 2011; tassi più alti e minori importi concessi perché è diminuito il valore degli immobili messi a garanzia dei mutui (mediamente del 30%, con punte oltre il 50%).

Per questa ragione Prodi prima e Berlusconi poi avevano ridotto del 40% ed eliminato per l’ulteriore 60% l’Ici sull’abitazione principale. Motivi non solo di equità (l’80% degli italiani è proprietario della casa in cui abita), ma anche e soprattutto di incentivo alla crescita. Avere introdotto nel 2012 l’Imu sulla prima casa si configura come una vera e propria patrimoniale, che deprime i valori degli immobili e affossa i consumi. Non ne avevamo bisogno, in un momento di crisi come quello attuale.

I costi, dunque, dell’operazione del governo Monti sono largamente superiori ai benefici di gettito. Proprio per questo eliminare l’Imu sull’abitazione principale diventa fondamentale, tanto più che la copertura necessaria è assolutamente sostenibile (circa 3 miliardi), come finanziariamente sostenibile fu l’abolizione dell’Ici nel 2008. Senza alcun danno per i conti pubblici e per i governi locali.

Le risorse possono derivare da una strutturale riduzione del nostro debito pubblico, con relativo drastico ridimensionamento della spesa per interessi, attualmente superiori a 80 miliardi di euro all’anno. Smettiamola dunque con i luoghi comuni, smettiamola con il terrorismo finanziario, smettiamola di farci del male in ossequio a malintese richieste dei mercati.

La nostra credibilità di debitori si è sempre basata sulla capacità di crescere, di produrre e di distribuire reddito e ricchezza. La recessione fa male alle famiglie, fa male alle imprese, fa male alla sostenibilità del nostro debito. Prima ce ne renderemo conto, meglio sarà.

2)INTERVISTA DI SIlVIO BERLUSCONI.

http://www.ilgiornale.it/video/interni/video-berlusconi-tasse-sono-troppo-alte-838098.html

Tirando le fila del discorso e`chiaro come a fronte di un Bersani che oltre che all’Imu vorrebbe aggiungere anche una patrimoniale, (peraltro come spiegato da Elsa Fornero, oltre che vessatoria, difficile da attuare, per via degli spostamenti dei grossi capitali e pertanto incisiva solo su chi possiede qualche casa), ci sia un Berlusconi amato e seguito dai suoi elettori ,che a differenza di cio`che pensa Bersani, non sono imbecilli incapaci di intendere e volere come piacerebbe a lui!

Di Giulia Delorenzi

FONTI.
http://m.quotidiano.net/politica/2012/09/18/774191-bersani-imu-fornero-esodati-ritorno-berlusconi-renzi.shtml

http://www.renatobrunetta.it/2012/09/19/togliere-l’imu-si-puo-ecco-chi-l’ha-fatto/#more-11172

http://www.ilgiornale.it/video/interni/video-berlusconi-tasse-sono-troppo-alte-838098.html

Annunci

From → POLITICA

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: