Skip to content

NAPOLITANO SI SDEGNA PER UN FILM CONTRO L’ISLAM , MA NON SI SDEGNA PER LE OFFESE AL CRISTIANESIMO

14/09/2012

Egregio Giorgio Napolitano , oggi ho appreso il suo sdegno per il film anti islamico , ho sentito che lo definiva “film deprecabile” . Ora mi consenta ,il rispetto per le opinioni altrui presuppone anzitutto che tali opinioni siano a loro volta rispettose dei valori più profondi ai quali fanno riferimento tante persone e sulla cui base è stata edificata la nostra società.Non mi pare che L’islam rispetti le opinioni altrui , non mi pare che sia così tollerante , anzi mi risulta che sia io che lei caro Napolitano , per loro siamo gli infedeli , coloro che vanno puniti se non si convertono , le risulta? A parte questo quello che mi disturba di più è che lei da cattolico abbia alzato la sua voce a favore dell’islam , ma non l’abbia alzata a favore del cristianesimo . Lei è cattolico o mi sbaglio ? Certo che è cattolico , ma è un cattolico sordo e muto , un cattolico che ha tollerato di tutto anche quando si poteva parlare di “vilipendio alla religione” o di reato contro la libertà religiosa , e qui in Italia ne abbiamo viste delle belle negli ultimi anni , ma bisognerebbe fare attenzione a non prendere alla leggera gli insulti a Cristo e ai cristiani, con la scusa della proverbiale mitezza e tolleranza del cristiano. la Mostra del Cinema di Venezia ha ospitato in concorso Paradise: Faith, un film nel quale la protagonista, una fanatica cattolica, arriva a masturbarsi con un crocifisso. Proteste? Un avvocato ha sporto denuncia per vilipendio alla procura di Venezia e uno sparuto gruppetto di ultrà cattolici ha manifestato al Lido. In compenso, l’austriaco Ulrich Seidl si è portato a casa il premio per la miglior regia. Ai giornalisti il regista ha detto che il suo film «non è blasfemo, però mi piace scioccare». Ecco il trucco. La maggioranza delle opere sono costruite per «stupire i borghesi». Tranelli perfetti con l’alibi dell’arte contemporanea. I titoli di giornale fanno da volano pubblicitario e, in assenza di una legislazione che delimiti i confini tra arte e pura offesa, non c’è di meglio che suscitare le proteste delle gerarchie e dei cattolici più impulsivi per ottenerne un’indiretta visibilità.Qualche mese addietro le polemiche s’infiammarono sull’opera teatrale di Romeo Castellucci Sul concetto di volto nel Figlio di Dio. Il Salvator mundi di Antonello da Messina incombente sul palcoscenico veniva imbrattato di escrementi dal figlio che accudiva il padre senza riuscire a fermarne il flusso di liquami. Poteva non destare scalpore una siffatta pièce? Gruppi tradizionalisti protestarono davanti ai teatri. Ma autori come Luca Doninelli e Antonio Socci l’hanno avvicinata al teatro di Giovanni Testori. Eppure Castellucci ha parlato di una «fatwa cristiana su di me». Nientemeno. Tornando al cinema, sempre alla Mostra di Venezia, era il 1988, destò scalpore L’ultima tentazione di Cristo che Martin Scorsese aveva tratto da un romanzo greco. Gesù disertava la sua missione, sposava prima Maria Maddalena poi la sorella di Lazzaro e aveva come alleato Giuda. Tutto finì in un fuoco di paglia. Anche il film che ebbe scarso successo. Dello stesso periodo è Piss Christ, opera del fotografo Andres Serrano che ritraeva un crocifisso di plastica immerso in un bicchiere di vetro contenente l’urina dell’autore.In anni più recenti sono soprattutto scultori e pittori a esercitarsi nello sberleffo della simbologia cristiana. Accese polemiche suscitò, per esempio, La rana crocifissa (con un boccale di birra e un uovo nelle mani) di Martin Kippenberger quando – estate 2008 – fu esposta dal nuovissimo Museion di Bolzano. Non valsero gli interventi di alcuni vescovi che sottolinearono «l’offesa ai sentimenti religiosi» a far rimuovere l’opera. Anni fa Alfred Hrdlicka, un altro artista austriaco (un’ossessione da quelle parti?), aveva ritratto l’Ultima cena come «un’orgia omosessuale» con scene esplicite. Ma quando nel 2008 L’Ultima cena di Leonardo restaurata da Pier Paolo Pasolini, questo il titolo, fu esposta nella retrospettiva del Museo della Cattedrale di Vienna, le proteste dei visitatori – chi l’avrebbe detto? – sorpresero i curatori della mostra. Nel 2010 altra bufera per La Madonna del terzo Reich del pittore Giuseppe Veneziano esposta a Pietrasanta: anziché un Gesù Bambino, Maria teneva in braccio Hitler. Stupore e incredulità dei curatori anche allora. Nel 2007 rimase invece a scandalizzare la comunità cristiana locale il quadro esposto in un museo di Sidney intitolato Bearded Orientals: Making the Empire Cross e raffigurante Bin Laden. L’immagine dell’ex terrorista si fondeva con quella di Cristo.Dove era lei egregio Napolitano quando accadeva tutto questo ? Forse che i cattolici avrebbero dovuto scatenare una guerra e uccidere qualcuno ? No , lei sa benissimo che i cattolici non lo faranno mai , Cristo ci ha insegnato ad essere promotori di pace , ma questo non significa non indignarsi e non alzare la voce per difendere il nostro credo. Con questa globalizzazione avete fatto solo un gran casino , avete rinnegato le nostre radici per fare spazio a quelle non nostre . Avete chiuso il Crocefisso in un cassetto perchè disturbava coloro che ospitiamo nel nostro paese , la invito a farsi un serio esame di coscienza .

Di Marinella Tomasi

Immagine

Advertisements
10 commenti
  1. mah, quante polemiche, sarà che voi cristiani vi sdegnate per qualsiasi cosa?

    • zanka permalink

      invisibile, non umano.

    • alessandro tesio permalink

      essi.. che polemiche che ci sono da parte dei “cristiani”.. ambasciate incendiate, gente uccisa, decapitata, guerriglia urbana sono infatti i cristiani che lo stanno facendo…
      Roba da matti.

    • alessandro, cosa centra lo sdegno con la criminalità?
      Zanka e perchè sarei Non-umano?
      Solo perchè ho le mie idee sulla cristianità vuol dire che non ho una moralità?
      Ma vi rendete conto che vi state facendo le seghe mentali sul fatto che Napolitano si sdegna per un film anti Mussulmano anzichè cristiano??

  2. il film andrebbe premiato! è uno dei pochi fedeli alla vita di maometto. La sua unica colpa (che in realtà è un pregio) è di aver ricordato al grande pubblico, che maometto aveva il vizietto della pedofilia e della poligamia…fatti reali che si possono leggere sul corano.
    anzichè scandalizzarsi, bisognerebbe premiare il regista e il produttore!!

  3. FUORIdalMONDO permalink

    Noi ci sdegniamo per qualsiasi cosa?!
    Ma ti rendi conto dell’assurdità di quello che hai detto?!
    Ma hai visto quello che sta succedendo nel mondo orientale per un film che non è stato nemmeno lontanamente offensivo quanto quelli fatti contro Cristo citati nell’articolo?
    Forse allora è proprio vero…
    Napolitano “rispetta” solo perché ha PAURA solo perché siamo MINACCIATI… Bel mondo in cui viviamo ..bel paese davvero, senza valori

  4. Invisibileuomo sei proprio una testa di c…avolo. Certamente sei musulmano e ti stai sfregando le mani pensando al giorno in cui sarete padrone dell’Europa e la potrete ridurrere ad un immondezzaio come i vostri paesi.

  5. rino permalink

    certo io sarei d’accordo dopo un commento molto oculato che il presidente dovrebbe farsi un esame di coscienza ma il punto è ma lui una coscienza c’è la?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: