Skip to content

TUTTI I CLANDESTINI IN ITALIA GRAZIE ALL’ACCORDO DI ROMANO PRODI.

28/08/2012

Grazie ad un accordo bilaterale con l’Italia del 1997. Firmato da Romano Prodi. Complimenti per la bella idea. Grazie, Prodi. Tutti sono giustamente indignati per come gli esportatori di diritti umani e di libertà francesi si stanno comportando alla frontiera con l’Italia, nei pressi di Ventimiglia.
Non fanno passare nessun clandestino, chiudono la dogana e rimandano indietro tutti, indistintamente. Tunisini, Eritrei, Libici. Tutti.
D’altronde, il Ministro degli Interni Guéant si è presentato a Mentone sostenendo che “nessun clandestino passerà mai quel confine”. Lessico abbastanza stupefacente per un esponente chiave del Governo dei moderni missionari salvavita. Eppure, può farlo. Che ci piaccia o no, la Francia ha tutto il diritto di rispedire in Italia gli immigrati clandestini che tentano di passare il confine. E sapete grazie a chi Parigi può lavarsene le mani? Grazie a Romano Prodi. Eh già, sempre lui. Nel 1997, infatti, firmò a Chambery un accordo bilaterale con cui si istituivano sulla linea di confine due Centri di Cooperazione di Polizia di Dogana, uno a Ventimiglia, l’altro a Modane.

E sapete qual è uno dei principali compiti assegnati a questi centri? La riammissione di stranieri irregolari. Sostanzialmente, l’Accordo consente di “ricondurre nel territorio dell’altro Paese persone rintracciate sul proprio territorio in posizione irregolare di cui si possa provare, attraverso una serie di elementi oggettivi, la provenienza dall’altro Stato”. E tra le prove oggettive, pensate un pò, è compreso un semplicissimo biglietto ferroviario. Insomma, se un clandestino da Lampedusa si presenta alla dogana francese, i gendarmi transalpini hanno tutto il diritto di rimandarcelo indietro. E questo grazie alla favolosa politica dell’allora Premier Prodi, dell’allora Ministro dell’Interno Giorgio Napolitano e dell’allora Ministro della Solidarietà Sociale Livia Turco.
E’ grazie a questo fantastico trittico se oggi il vecchio confine di Ventimiglia è diventato una barriera insuperabile per le migliaia di clandestini che dall’Italia vogliono trasferirsi in Francia. Il bello è chenon possiamo farci niente, neppure lamentarci. Complimenti davvero per la genialata. Rispondiamo alle contestazioni o ai dubbi di chi sostiene che le disposizioni in materia di riammissione degli stranieri irregolari non si troverebbero nel dettato dell’Accordo di Chambery sottoscritto da Prodi il 3 ottobre 1997. Queste disposizioni si trovano nell’Annesso al medesimo Accordo, come testimoniato dalla Gazzetta Ufficiale n. 164 del 15.07.2000.

Di Marinella Tomasi

Fonte: gio88-giova.blogspot

Annunci

From → POLITICA

One Comment
  1. But, then as you have limited possibilities for a no-carb breakfast menu, you can take into account these as breakfast possibilities.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: