Skip to content

ROMANO PRODI e i suoi scheletri nell’armadio.

27/08/2012

La potente macchina disinformatrice dei comunisti è sempre in moto .
Voglio citare alcuni esempi di come il PD, in Emilia Romagna, abbia interpretato la sua leadership negli ultimi anni, e di come sia riuscito a navigare indenne in un oceano di nefandezze. Vorrei innanzitutto fare alcune considerazioni su un personaggio di spicco del PD, una guida carismatica dei seguaci del comunismo di Togliattiana memoria, e cioè Romano Prodi. E’ sufficiente aprire la pagina di wikipedia per farsi una idea abbastanza precisa del suo modus operandi. Si evincono palesemente le vicissitudini legate ai procedimenti giudiziari di cui è stato protagonista, e i suoi coinvolgimenti nei casi di scabrose problematiche finanziarie.
Il nome dell’ex numero uno pidiessino ricorre con insistente frequenza a proposito di scandali come quello legato alla vendita della “Cirio” per cui fu indagato per abuso d’ufficio oppure per quello secondo cui avrebbe svolto consulenze per conto di Goldman Sachs e General Electric durante il suo mandato all’Iri.

Successivamente alla sua nomina a Presidente dell’Iri fu coinvolto in un processo per conflitto d’interesse riguardo ad alcuni contratti di consulenza con Nomisma, di cui era dirigente. Nel 1981 fu chiamato a testimoniare davanti alla “Commissione Moro” riguardo ad un inquietante episodio, e cioè la partecipazione ad una seduta spiritica durante la quale venne fuori il nome di una località in cui fu poi scoperto un covo delle Brigate Rosse (Gradoli) in cui fu tenuto prigioniero Aldo Moro.
Nel 2006 Romano Prodi fu indicato come “uomo di riferimento” del KGB in Italia, secondo le affermazioni desunte dalle rivelazioni della spia russa Alexander Litvinenko morto poi per avvelenamento il 23 novembre dello stesso anno per mano di sicari sovietici. Prodi non è l’unico personaggio legato al mondo del PD di cui troviamo tracce consistenti nelle cronache giudiziarie e in vicende di malaffare.
Bologna e la Regione Emilia Romagna, che costituiscono il perno attorno cui ruota l’universo comunista, offrono una visione sconcertante proprio dei personaggi di maggior spicco del Partito Democratico coinvolti in procedimenti penali.
L’ultimo in ordine di tempo è proprio il presidente della Regione, Vasco Errani, di cui si attendono le dimissioni in caso di rinvio a giudizio per il reato di falso in atto pubblico.
Anche l’ex vice di Errani, Flavio Delbono, ex Sindaco di Bologna, si dimise nel 2010 in seguito alle indagini che lo videro indagato per i reati di peculato, truffa aggravata e abuso d’ufficio. Sembra che un vero e proprio “trait d’union” unisca e colleghi i massimi vertici del Partito Democratico …Nel recente passato anche un altro illustre esponente del partito di Bersani, come l’ex Sindaco di Rimini, Alberto Ravaioli, è stato indagato dalla Magistratura per concorso in truffa, e la sua posizione è stata archiviata proprio in questi giorni.
Il Partito Democratico di Piacenza, città natale di Pier Luigi Bersani , è attualmente sotto i riflettori della Giustizia, a causa del consigliere regionale Marco Carini, indagato per reati che vanno dalla truffa, all’abuso di ufficio, al falso ideologico in atti pubblici.
Carini si era già distinto in passato per essere l’eletto in Regione con il maggior numero di assenze alle sedute del Consiglio Regionale.
A proposito di Bersani, vorrei stigmatizzare un episodio che riguarda Emilio Riva, il patron dell’Ilva di Taranto.
Nel periodo 2006/2007 l’imprenditore ha versato la somma di 98.000 euro per finanziare personalmente, con questa donazione, proprio il numero uno del PD.
Tutto regolare, certo, così come le altre donazioni al PDL, ma ciò che salta all’occhio è la prontezza e la disinvoltura con cui i partiti, PD compreso, chiudono entrambi gli occhi davanti al disastro ambientale compiuto da questi “donatori”, accettando il contributo con sollecitudine.
Come definireste tutto ciò ? Ipocrisia congenita ?Mancanza di etica ?Assuefazione al ricevimento di denaro frusciante ?Dipendenza incurabile da qualsiasi contributo, indipendentemente dalla sua provenienza ?
No comment…
Gli episodi in cui il malaffare si insinua nella politica si sprecano, e le cronache dei giornali ne sono la testimonianza, così come i post su internet, da cui traspare una realtà nascosta e poco pubblicizzata. Il PD è un grande protagonista del mondo giudiziario italiano, a livello nazionale, e costituisce un vero e proprio serbatoio di indagati, di sospettati, di colpevoli, di corrotti, di collusi, di manipolatori, e di disinformatori.
Quale alibi vorrà trovare la schiera di intellettualoidi comunisti per mistificare una realtà che da anni si palesa con chiarezza quotidianamente ?
Si continueranno a difendere semplicemente puntando il dito verso gli oppositori politici ?
La politica perennemente persecutoria con cui i comunisti crocifiggono gli avversari, autori di quegli stessi reati di cui si sono resi colpevoli anch’essi, prescinde da considerazioni di carattere etico e morale, ed è fine a sé stessa, sterile e improduttiva.
Mi vengono alla memoria due citazioni evangeliche :
“ Scagli la prima pietra chi è senza peccato ” ;
“ Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello, e non t’accorgi della trave che è nel tuo ? ”
Potrei adattare alla situazione centinaia di detti e di aforismi che si adattano perfettamente al modus operandi dei comunisti italiani, ma a nulla varrebbe poiché schiere di fedelissimi della falce e martello, imperterriti, continuerebbero a proclamare la loro fede in Stalin, e a sventolare la bandiera rossa.
Non mi rimane altro che continuare a segnalare tutto ciò che viene invece nascosto o non detto dal PD, portando quante più persone possibili a conoscenza delle loro nefandezze e della loro brama smisurata di potere.
La gente deve conoscere gli inciuci che caratterizzando le politiche di partito del PD, che fagocita e gestisce interessi economici immensi, agendo da gran burattinaio verso quei personaggi che sposta e manipola all’interno dei vari CDA delle aziende inglobate. Gli interessi economici del Partito costituiscono la priorità, sostituendosi al bene della gente e di coloro che, stupidamente, lo hanno votato.
La mia non è mancanza di rispetto verso questo tipo di elettori, poiché ritengo che chiunque abbia diritto di votare per chi preferisce, ma quando ci si trova di fronte a politici che ci danno questo esempio di vita… bè allora significa che il voto è espresso condizionatamente, per partito preso, a occhi chiusi, creando danno all’intera società civile. Auspico un futuro in cui i comunisti metamorfizzati siano finalmente scomparsi, per il bene della civiltà.

Spero che la disinformazione comunista sia infine sopraffatta dal coro di voci che si levano a favore della verità, storica e contingente, decretando la fine di una tragica illusione.

Di Marinella Tomasi

Fonte:  la voce del cittadino

Annunci

From → POLITICA

4 commenti
  1. Antonella Lucato permalink

    dovrebbero circolare di più voci che informano come in questo pezzo,
    non resta che prendere coscienza ed agire di conseguenza!

    • Noi ci proviamo Antonella Lucato a diffondere la verità , fate anche voi la vostra parte condividendo in gruppi , pagine o semplicemente tra i vostri amici , così da aprire gli occhi di chi ancora non vede oltre il suo naso .

  2. ciondolo permalink

    Certo che quella di “Prodi agente del KGB” era bella
    Ciao fascistelli

  3. Sono d’accordo

    è dall’età d 17 anni che ho capito com’erano i comunisti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: