Skip to content

A NAPOLI BRUCIANO IL TRICOLORE PERCHE’ I MUSSULMANI NON SI INTEGRANO . SMETTIAMOLA DI METTERCI A 90°

22/08/2012

La “Bandiera Tricolore Nazionale” è il simbolo della Nostra Patria e ” tutti ” la devono rispettare e difendere. Molti di voi ricorderanno dello scalpore e di un certo scandalo, a sinistra, per l’intervento del politologo Giovanni Sartori sulla «non integrabilità» degli islamici nella società occidentale e che ai suoi detrattori rispose “Fermo restando che ogni estraneo (straniero) mantiene la sua religione e la sua identità culturale, la sua integrazione richiede soltanto che accetti i valori etico-politici di una comunità  fondata sulla tolleranza e sulla separazione tra religione e politica. Se l’immigrato rifiuta quei valori, allora non è integrato e certo non diventa tale perché viene italianizzato, e cioè in virtù di un pezzo di carta.”

Sarebbe facile osservare che ormai la multiculturalità si è ormai dimostrata solo un concetto astratto e irrealizzabile,  fallito anche in Olanda, Inghilterra, Francia e più recentemente anche in Germania con la Merkel, Paesi che pure ci hanno provato con grande convinzione e per decenni. Il motivo del fallimento è molto semplice, quasi banale a dirsi: i musulmani non vogliono integrarsi. Chi sostiene il contrario dovrebbe spiegare in quale Paese dal 630 d.c. i musulmani si sono integrati, accettando i valori etici e politici di una società non islamica: non è mai successo!
Ma anche all’interno di un Paese possono esistere sacche che raccontano di una scarsa o nulla integrazione con il resto della popolazione. Un caso – ovviamente di tutt’altre proporzioni – sembra essere quello di Napoli, i cui abitanti hanno uno stile di vita, un dialetto equiparato ad una lingua e valori che la rendono diversa da ogni altra regione o città italiane. Non è solo una questione della immondizia abbandonata per le strade che – da sempre – fanno parte del paesaggio e della vita quotidiana di questa città, ma è anche il rifiuto di assumersi responsabilità in ordine a questo problema come hanno fatto le altre regioni, sulle quali scaricano i loro problemi. Ed i fatti raccontano anche di una vita sociale napoletana, dal traffico ai valori che la guidano, che appare essere diversa e poco integrata con il resto del Paese, Mezzogiorno compreso. In nessuna altra città o regione amministratori come la Jervolino e Bassolino avrebbero potuto resistere per tanti anni alla loro guida, portatori di una cultura parassitaria ed inefficienza che affonda le radici nella storia. E di cambiamenti in vista, come dimostrano le cronache di questi giorni, non se ne intravvedono. Non appare dunque un caso se nelle manifestazioni di piazza si brucia il Tricolore, simbolo dell’unità d’Italia, che di fatto viene rifiutata, mentre il napoletanissimo presidente della Repubblica che ormai interviene giornalmente su tutto, tace.

Cosa fare, allora? Per ora nessuno ha saputo trovare una soluzione condivisa a questi problemi, che non si possono risolvere né con la forza e né con la persuasione. La Chiesa e la sinistra sono a favore dell’accoglienza, ma evitano di indicare come realizzarla senza riportare indietro l’orologio della storia della civiltà a disvalori incompatibili con il vivere civile. La posizione della Chiesa è comprensibile perché misericordiosa, quella della sinistra fallimentare invece collima con una generale arretratezza culturale di una parte della popolazione italiana. E, per ora, altre soluzioni in vista non se ne intravvedono.

Fonte: http://www.ag-notizie.com/2010/10/i-musulmani-non-si-integrano-e-napoli.html

Advertisements

From → ATTUALITA'

9 commenti
  1. sergio permalink

    Questo è vilipendio alla bandiera, che prevede la condanna penale, e se a commetterlo è uno straniero, quello straniero andrebbe mandato dritto dritto in carcere con il masimo della pena e poi al termine mandato via dall’Italia con l’ordine di non metterci più piede in futuro, in quanto persona non gradita. Se poi ha ottenuto la cittadinanza, questa dovrebbe essere revocata con effetto immediato, e rispedito a casa sua insieme a tutta la famiglia ricongiuta. O cominciamo a riprenderci l’Italia e rimettere le cose a posto, oppure tra un pò scoppierà inevitabilmente una insurrezione armata ed una guerra civile per motivi di xenofobia e razzismo. Meglio impedirlo finchèsiamo in tempo, riprendendoci la nostra sovranità ed identità nazionale e mettendo bene in chiaro sia con gli stranieri in italia, che con l’ONU, la UE e tutte le cazzo di organizzazioni sovranazionali o internazionali, che non abbiamo nessuna intenzione di fare la fine dei pellerossa o della ex jugoslavia, il Kossowo o la Libia. A buon intenditor poche parole!

  2. ci fosse l’opzione ti cliccherei mi piace

  3. Gianfranco Chenet permalink

    Condivido.
    Ma non posso esimermi dal ricordare che la destra neo-fascista al governo del paese con il PdL in coalizione con la Lega Nord, partito secessionista anti-Italiano, ha vantato tra le fila dei Ministri del 4° Governo Berlusconi alcuni elementi, tra cui alcuni di spicco, che cantavano come segue :

    Vanno trattati allo stesso modo !

  4. solounoscoglio permalink

    che schifo, come ci siamo ridotti….

  5. Eccellente articolo, sintetico ed esaustivo. Devo precisare però che non sono solo gli islamici a non volersi integrare, ma un po’ tutte le popolazioni straniere presenti in Italia. Il nostro insulso perbenismo è cosa nota e lo sanno anche gli stranieri. Cinesi, albanesi, romeni, magrebini hanno preso da anni l’Italia come un paese dove tutto è permesso e nessuno agisce. Non si tratta neppure di fare di tutta l’erba un fascio perché dall’estero arrivano anche brave persone rispettose del paese che le ospita. Mia moglie è di origine romena, anche se cittadina italiana da diversi anni, e conosco personalmente diversi cinesi e africani dal comportamento esemplare. Purtroppo sono una esigua minoranza. La Chiesa predica accoglienza per tutti? Ne riparliamo quando in piazza San Pietro sorgerà una tendopoli o un centro di prima accoglienza come a Lampedusa. P.S. Ricordo che la legge del Vaticano prevede il reato di immigrazione clandestina.

  6. evidentemente non c’e’ possibile evoluzione senza il superamento di occlusioni mentali che paiono sempre piu’ simili a quelle intestinali. poiche’ certo, il muro contro muro e’ da scemi e non trova soluzione, soprattutto se si continua, da una parte a voler proteggere la liberta’ di individui ottusi di continuare a farsi abbindolare dai loro totem culturali (leggi pure religiosi) e dall’altra a rivendicare come preminenza di chi “ospita” questi immigrati il diritto a mantenere i propri totem dell’ottusita’. secondo il mio spassionato parere, se gli italiani sono tanto scemi da farsi fregare ancora da una bandiera e da una supposta appartenenza nazionale, mentre chi li governa se ne fotte alla grande svendendo gli abitanti al migliore offerente, non e’ certo colpa di chi e’ talmente tanto scemo da stare ancora sotto a maometto e alla mezzaluna. insomma… dovrebbero essere gli italiani a bruciare le loro bandiere. e dovrebbero essere quegli scemi dei maomettani a briciarsi le loro. non per niente, ma giusto per non fare la figura dei polli di fronte agli invasati dell’opposta sponda.

  7. Emilio Giovanni permalink

    bisogna caciargli fuori dell’Italia questa genta

  8. Il Vilipendio alla Bandiera è un reato già di per sè. E come non ipotizzare anche l’aggravante di odio razziale? Questi damerini venuti qui per giocare alla play station stanno forse bruciando quella bandiera per amore?!

    Helmut Letbuster

Trackbacks & Pingbacks

  1. QUARTA PAGINA DI “FATTACCI ANTI-ITALIANI”… « Aristocraziaduracruxiana's Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: