Skip to content

MONS. KAIGAMA TESTIMONIA SHOCK MA SOPRATTUTTO SPERANZA

19/08/2012

Oggi (domenica 19 agosto), S.E. Mons. Kaigama è intervenuto al Meeting di Rimini testimoniando la situazione di un paese profondamente devastato da violenza e terrorismo.  Ma ha anche parlato di speranza per la soluzione pacifica di questa crisi soprattutto grazie alla pace, alla convivenza e al dialogo tra la gente. Ecco alcuni spunti tratti dal suo intervento:

Amicizia tra tutti i popoli: ringrazio e mi congratulo con gli organizzatori per il fatto che amore e condivisione rappresentano una panacea per guarire le ferite, superare l’odio e lenire la violenza.

Le persone che muoiono negli attacchi sono innocenti. Boko haram dice che cristiani non conosceranno pace se non accetteranno islam. In Nigeria la paura si diffonde e ci saranno sempre più attacchi contro i cristiani del nord e anche del sud. Si rischia un conflitto religioso e sociale gravissimo. Piu di 160 milioni di abitanti con immense risorse naturali. Ma tasso di povertà allarmante a causa della corruzione che è diffusa. Boko haram semina terrore su cittadini innocenti soprattutto nel nord, 19 tati inclusa la capitale federale. Violenza continua con kamikaze su chiese, moschee e posti di sicurezza. Uccidono cittadini residenti e non.

Hanno attaccato tantissime chiese, ucciso membri della polizia e l’università. 963 bombe trovate dal 20 gennaio ad oggi. È un gruppo ben coordinato e organizzato.

Criminalità e terrorismo non possono essere negoziati. Abbiamo sensibilizzato il preidente sulla situazione dei cristiani del nord che subiscono maltrattamenti da parte dei mussulmani anche per le proprietà terrier ere per cui non si riceve mai il certificato per costruire una chiesa. C’è il rifiuto di insegnare la religione cristiana nelle scuole, non l’islam, alcuni media rifiutano le notizie dei cristiani. Ci sentiamo emarginati mentre la Nigeria è di tutti noi. Non ci si sente liberi di praticare la nostra religione. Si tratta di diritti negati ai cristiani.

Boko haram ha scatenato un terrore contro l’umanità ed è una macroscopica violazione dei diritti dei nigeriani innocenti. Boko haram non accetta pubblicamente di avere un cristiano presidente. Il movente è anche politico o comunque è strumentalizzato da alcuni politici per creare confusione, abbattere il governo.

Sono contento perché la comunità int monitora con attenzione. Anche voi che siete qui volete conoscere di più. Quando ho perso il volo a Londra ho chiesto qualsiasi aereo per arrivare assolutamente a Rimini. Amnche seduto sul pavimento dell’aereo. Quresto mobiliterà tutti uanti verso una strategia di intervento per eliminare questo gruppo che scatena il terrore.

Il congresso USA ha fatto recentemente una sessione su terrorismo e boko haram. Tutte le persone di ogni fede devono unirsi contro questa violena. Il riconoscimento ricevuto dall’Italia poco tempo fa è utile per aumentare attenzione. La campagna online organizzata dall’Italia è in questa direzione. Gli italiani stabno galvanizzando la comunita internazionale per intervenire e riaffermare la libertà religiosa. Inoltre possiamo agire contro la tratta delle donne, riciclaggio di denaro etc.

Questo interesse per la Nigeria deve diffondersi ad altri paesi europei per aiutare la Nigeria.

Suor caterina e il suo gruppo missionario lavorano da 27 anni nei villaggi aiutando la povera gente ed è sempre rimasta con noi nonostante i mille pericoli. Pregate per noi e andando a casa fate pressioni sul vostro governo. Se distruggeranno la Nigeria anche tutti gli altri paesi africani saranno spazzati via perché è un paese forte che se cade lascia cadere tutti gli altri.

Il governo della nigeria fa poco e anche la chiesa ha poche risorse ma fa di tutto per aiutare la gente. Passo le notti nei villaggi ad ascoltare e incontrare mentre i funzionari del governo rimangono negli uffici con l’aria condizionata. Hanno bisogno di acqua, cibo, educazione etc. anche i giovani in Nigeria, soprattutto a Jos, sono in crisi: in una manifestazione ci hanno chiesto denaro per le armi con cui combattere i mussulmani che li ammazzano. Io ho detto che il cristianesimo riguarda la pace e non è questo che ci chiede. La frustrazione è grande.

Alla moschea di Jos sono stato invitato dai giovani mussulmani con i giovani cristiani per la fine del ramadan e festeggiare. Li ho portati ed è stata una cosa meravigliosa. Leader cristiani si sono rifiutati perché c’è rabbia e crisi anche tra di noi e dimentichiamo i messaggi pacifici del cristianesimo anche per una coabitazione. La battaglia continua, incoraggiamo ancora la popolazione per il dialogo. È difficile abbracciare chi ammazza la mia gente. Ecco le sfide a cui mi trovo di fronte. Anche la mia chiesa è stata in parte bruciata, anche i nostri veicoli. Ma non ho mobilitato per la lotta. Sono provocazioni che non si sa come affrontare.

Non è la religione la responsabile della crisi. Ci sono anche problemi sociali, economici etc. la violenza passa attraverso questi problemi. Non dobbiamo agire come lo struzzo ignorando il problema.

Pace, dialogo e amicizia tra i popoli risolvono la maggior parte dei problemi. Gesù non è mprto sulla croce a bracci incrociate ma a braccia aperte per abbracciare tutta l’umanità.

A natale ci sono stati morti, uccisi mentre pregano. Questo ci dovrebbe fermare? No. Abbiamo aperto un centro di formazione professionale che unisce cristiani e mussulmani per dare loro competenze tecniche e professionali. Sono giovani svantaggiati che per 2 anni stanno insieme e apprendono competenze. Oggi i primi 22 giovani hanno un diploma e speriamo diventino agenti di pace grazie alla loro convivenza.

Sto per costruire un centro per la pace e il dialogo. Siamo sempre chiamati a mediare e a dirimere a controversie. In questo centro cerchiamo di risolvere i conflitti di ogni giorno senza la violenza.

La speranza rimane. La rabbia non può avere il sopravvento.

Fonte: http://fermiamolastragedeicristiani.it/2012/08/19/mons-kaigama-testimonia-orrore-ma-soprattutto-speranza/

Advertisements

From → RELIGIONE

One Comment
  1. PREGARE,PREGARDE,PREGARE,SEMPRE NEL NOME DEL SIGNORE.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: