Skip to content

STRAGE DI RANDAGI: UNA BUFALA CHE PIACE TANTO

12/08/2012

Il primo, camionista di Alcamo, è stato aggredito da sette randagi mentre, sdraiato a terra, cercava di riparare il suo camion in una piazzola di sosta all’altezza del Comune di Biscottino, fra Pisa e Livorno. Pezzi di carne del povero Guastella sono stati ritrovati a decine di metri di distanza dal suo cadavere, reso irriconoscibile dalla furia delle bestie. Il secondo, un pensionato milanese di 75 anni, uscito per pescare, è stato aggredito da altrettanti randagi. Soccorso da alcuni automobilisti, è stato recuperato dentro a un ruscello, ancora vigile, il corpo a brandelli, le vene e le ossa in vista, poco prima di morire dissanguato.

In ricordo di Guastella e Gnudi non è stata spesa neanche una riga da parte degli utenti dei social network, che impestano il web con richieste di boicottaggio nei confronti dei Campionati europei di calcio Polonia-Ucraina 2012. Perché? Semplice, secondo loro: perché in Ucraina, dove il randagismo ha assunto dimensioni catastrofiche, sarebbero in corso stermini indiscriminati di poveri cuccioli, bruciati in forni crematori ambulanti. Ignari del fatto che ci sarebbero ben altri motivi per cui agitarsi contro l’Ucraina, tipo la mancanza di tutele e rispetto per la vita degli uomini, (la cosa non interessa a chi adora la bestia), i nuovi barbari impugnano, a riprova delle nefandezze del Governo, testimonianze tutt’altro che credibili, quali video sfuocati e fotografie generiche, prive di ambientazione.

Testimonianze che bastano per dare vita a campagne e contro campagne, che escono dal web e raggiungono tanto le curve degli stadi (vedi foto) quanto il palazzo: sono ben 22 infatti gli europarlamentari, fra gli altri Andrea Zanoni, Gianni Pittella, Roberta Angelilli, Niccolò Rinaldi, Sonia Alfano, Gianni Vattimo e Giommaria Uggias, che hanno firmato una lettera con richiesta di spiegazioni indirizzata al premier Mykola Azarov e al presidente Victor Yanokovych (uno che incarcera gli oppositori, ma la cosa pare non muovere i cuori).

Anche in televisione la difesa del cane ucraino impazza. Su tutti i canali nazionali, da alcune settimane, numerosi esponenti di associazioni animaliste ripropongono il problema col favore dei direttori di rete (il cane, specie se sofferente, fa share). Protagonisti di queste incursioni sono i militanti dell’OIPA, Organizzazione internazionale protezione animali, che, sulla base di prove dubbie, propongono adozioni internazionali di bestie e raccolgono, guarda un po’, donazioni in denaro, necessarie per sostenere le loro battaglie di civiltà.

Chi in Ucraina ci vive racconta però un’altra realtà. Quella vera. “Due anni fa mi trovavo a Uzhgorod per lavoro, con un paio di clienti – spiega un imprenditore veneto che fa la spola fra Mosca e Kiev – Là siamo stati praticamente assaliti da una trentina di cani. E’ stata un’esperienze terribile, che non auguro a nessuno. Abbaiavano e volevano morderci. Ci siamo rifugiati in auto fino all’arrivo della polizia, che ha sparato in aria per disperderli. Anche a Kiev, un’altra volta, ho avuto lo stesso problema. Ma ora la cosa è migliorata. Di randagi se ne vedono sempre meno.” Colpa dei forni crematori?

“Ma quali forni crematori, io non ne ho mai visti, né in Ucraina ne ho mai sentito parlare. Il Governo ucraino ha attuato una politica di riduzione del fenomeno del randagismo, certo, ma prove delle violenze inaudite di cui si parla io non ne ho avute. Ho parlato con i miei partner ucraini e loro hanno smentito che la polizia o chissà quale corpo speciale percorra le strade in cerca di animali da ammazzare. I randagi vengono catturati e portati in canili per le analisi. E solo quelli rabbiosi o malati vengono soppressi tramite avvelenamento, non certo con il fuoco.” Ma non serve andare in Ucraina per capire che il rogo dei randagi è una bufala. Ogni volta che si prepara un evento sportivo mondiale, pare sia sempre il cane a farne le spese.

Era già successo per le Olimpiadi in Grecia e in Cina. Come spiega bene la blogger Wilma Maria Criscuoli, mettere in moto campagne di sensibilizzazione consentirebbe alle associazioni animaliste di fare cassa attraverso il mercato delle adozioni. Prima si mostra “materiale raccapricciante”, composto da “immagini sempre decontestualizzate nel tempo e nello spazio”. Poi, “toccate le corde sentimentali dell’individuo, si crea un passaparola frenetico di indignazione che cresce esponenzialmente, finché non conta più nemmeno l’immagine o l’articolo e chi osa porre dei dubbi viene emarginato come persona insensibile o pazza.”

Anche secondo un sito tedesco, quella montata in Ucraina sarebbe appunto una bufala, con immagini vecchie di tre anni, che non hanno nulla a che fare con il paese dell’ex URSS. “Queste immagini sono state utilizzate da varie organizzazioni animaliste solo per fare propaganda contro l’Ucraina”, spiegano su www.doggennetz.de Tutto chiaro? Forse no, ma almeno sia concesso, a chi non ama il cane, di godersi senza sensi di colpa gli europei di calcio. Cani o non cani, saranno sicuramente entusiasmanti, specie per chi, come me, ha tifato , nell’ordine, Irlanda, Croazia e Spagna.

Fonte: messa

Advertisements

From → ATTUALITA'

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: