Skip to content

La legge “anti-omofobia” è una legge anti-cattolica, la Croazia ce lo dimostra.

06/08/2012

Accade nella “cattolica” Croazia, a pochi mesi dalla visita di Benedetto XVI, che per la prima volta nella storia del sistema giudiziario di questo Paese un’associazione di lesbiche, chiamata “Kontra”, ha presentato una denuncia per una presunta violazione della cosiddetta “Legge contro la discriminazione”. L’imputata si chiama Jelena Mudrovcic, insegnante di catechismo cattolico presso la scuola elementare “Bartol Kaši” di Zagabria (va ricordato che in Croazia la materia di insegnamento religioso, curata e organizzata dalle varie confessioni religiose, si chiama appunto “Catechismo”, e per i cattolici la mancata frequenza di tali lezioni determina automaticamente l’esclusione dai sacramenti). La denuncia contro l’insegnante è motivata dal fatto che essa nel 2009 avrebbe affermato, durante una lezione di Catechismo, che “l’omosessualità è una malattia“.


In seguito un alunno, che del resto non frequentava le lezioni di catechismo, e che quindi non era presente in aula al momento del fatto, ha riferito il tutto a sua madre, la quale a sua volta si è rivolta all’associazione “Kontra” che con una denuncia contro l’insegnante ha avviato il procedimento sulla base della Legge contro la discriminazione.
La situazione è assai delicata, in quando le associazioni omosessuali in Croazia, seppur rappresentanti di una tendenza fortemente minoritaria, sono molto rumorose nella difesa dei loro “diritti”, e a quanto pare, ci riescono molto bene. Su loro iniziativa il Parlamento croato ha approvato questa legge, nella quale tra l’altro è presente, al posto del principio giuridico che l’imputato è innocente fino a prova contraria, l’affermazione che esso deve dimostrare la propria innocenza, così che il peso della dimostrazione della prova non ricade sull’accusa, ma sulla difesa. Assurda è la situazione che l’insegnante debba dimostrare la propria innocenza di fronte ad accuse avanzate da un testimone non presente in aula al momento del fatto che le viene contestato, e ancor di più che l’associazione di lesbiche abbia diritto ad addurre la deposizione di propri testimoni.
Tratto da RC n. 64

Di Marinella Tomasi

Annunci

From → ATTUALITA'

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: